biografia


news | biografia | stampa | concerti | discografia | immagini | testi | contatti | home page

TV Lumière

 

 

 

"Lo stile lirico dei TV Lumière può essere considerato una sorta di poesia minimalista o concettualista spesso ambientata negli scenari decadenti di fine '800 - inizio '900. Una depressione ispiratrice diffonde melodie lente costruite da chitarre pregevolmente curate, arpeggiate, diffuse e da una linea ritmica ipnotica, morbida e allo stesso tempo incalzante come un assalto di trincea. Atmosfere dark, umori post-rock, echi noise. Stilisticamente vicini a Swans, Sonic Youth, Ulan Bator..."
 


I fratelli Federico e Ferruccio Persichini provengono da un borgo dell'Umbria del sud, dove prendono a suonare con alcuni musicisti della zona. Dopo varie esperienze con gruppi post-punk della scena locale e romana, intraprendono, alla fine degli anni novanta, un viaggio in Germania, e in un hotel del suburbio berlinese, influenzati dall'ascolto di gruppi come Swans, My Bloody Valentine o Ulan Bator, fondano i TV Lumière. Alle loro chitarre si unisce Yuri Rosi, batterista con il quale avevano precedentemente collaborato, e la bassista Irene Antonelli.

Nel giro di qualche mese preparano un cd demo di 4 tracce che offre loro la possibilità di esibirsi in una serie di concerti in alcuni club del centro Italia. In seguito vengono chiamati per aprire il live dei Trumans Water e degli Ulan Bator. Da qui inizia una collaborazione con Amaury Cambuzat, il quale produce il loro omonimo album d'esordio (2005), registrato totalmente in analogico tra Terni e Milano. Il disco, composto da violente trame strumentali e plumbee filastrocche appena sussurrate, viene ben recensito dagli addetti ai lavori.

Segue un lungo periodo di esibizioni dal vivo nei principali clubs underground d'Italia e alcune date europee in contesti come Parigi e Berlino.

Nel 2007 si recano a Napoli per le registrazioni di "Per Amor dell'Oceano", secondo album, nel quale i TV Lumière ricorrono a sonorità meno corrosive con un'attenzione particolare ai testi, dirottando spesso in soluzioni folk. Il disco viene licenziato nel 2008 dalla Seahorse di Paolo Messere, che ha agito anche in veste di produttore artistico. Dopo alcuni mesi esce il video di Milit, girato nella valle del Tevere da Paolo della Rocca ed Alessandro Roncetti, il quale successivamente, sviluppa anche un documentario live sulla band.

Il loro terzo album, intitolato "Addio! Amore Mio", esce per la Acid Cobra Records il 23 maggio 2011. La produzione artistica è ancora affidata ad Amaury Cambuzat.